Cosa fare dopo la pandemia? Aprire un food e-commerce è la scelta vincente

14Feb, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

La crisi sanitaria ha modificato il mondo delle imprese imponendo la chiusura di molte attività economiche fisiche e incentivando la crescita di nuove modalità commerciali attraverso l’utilizzo delle piattaforme digitali.  In Italia, durante i primi mesi del lockdown  la penetrazione dell’alimentare nell’online è raddoppiata: il 17,2% dei consumatori ha acquistato via internet almeno una volta, con le vendite digitali di prodotti confezionati di largo consumo che settimanalmente hanno vantato una crescita mai scesa sotto il 50% e con i canali virtuali di vendita che hanno raggiunto picchi commerciali. Uno studio rilanciato dall’agenzia Netcomm evidenzia che il cambiamento nelle abitudini di acquisto non è venuto meno nella fase successiva: il 36% ha continuato a fare la spesa online, privilegiando i siti web della GDO, con un aumento sostanziale della customer satisfaction. La spesa alimentare online, dunque, è entrata a tutti gli effetti tra le abitudini di consumo degli italiani.

Digitalizzare il settore vuol dire contribuire alla crescita dell’intero comparto e agevolare, in termini di tracciabilità e sostenibilità, il consumatore finale. 

Recentemente, FederDistribuzione ha ribadito che già da alcuni anni le aziende della distribuzione hanno incrementato la progettualità e gli investimenti in ambito tecnologico: dagli interventi sul punto vendita, che si sposta sempre più verso il modello di smart retailing, sino ad arrivare alla logistica, alla gestione del magazzino e dei rapporti con i fornitori. La spinta verso l’innovazione digitale del mondo del retail ha avuto ricadute positive su tutta la filiera mettendo in luce le opportunità che il digitale offre sia a favore dei consumatori che dei fornitori e delle PMI.

Aprire e investire su un e-commerce per la vendita di prodotti alimentari, risulta essere un ottimo investimento imprenditoriale non solo per le grandi catene di supermercato ma anche per i piccoli negozi di alimentari. Perché anche se le dimensioni cambiano, il risultato è sempre lo stesso: più guadagno e più clienti. Infatti in questo modo si riesce a richiamare e anche a fidelizzare con i giusti mezzi, una tipologia di clienti nuova.

Acquirenti e consumatori che il semplice retail non garantisce e cioè: i clienti abituati ad acquistare prodotti alimentari on-line, che sono in costante crescita. Inoltre scegliere di affidarsi anche ad un food online per la vendita dei propri prodotti significa soprattutto mettersi al passo coi tempi e inserirsi in una rete di mercato nuova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *